ūüßį kSC #35: I 3 PRINCIPI‚Ķ

DEL NOTION BUILDER

Ehi ciao ūüĎč,

questo è il numero 35 del Kit di Sopravvivenza per Creator.

E oggi ti svelerò I 3 principi del Notion Builder.



TL;DR

  • I 3 principi del Notion Builder;

  • Una risorsa per la tua audience building;

  • Una risorsa per la tua produttivit√†;

  • Una risorsa per la tua monetization.

Il tempo di lettura previsto è: 4 minuti e 30.


Quando penso ai creatori di Notion, non so come giudicarli: se eroi della produttività oppure truffatori.

Hanno creato uno strumento molto potente ma che non spaventa.

Uno che attira gli utenti con la facciata di semplicità e che invece nasconde una grande dose di complessità.

Database, relazioni, rollup, formule, buttons, api ecc: il delirio.

E tutto sto delirio è nascosto, si mostra solo a chi vuole portare Notion al suo massimo potenziale: i builder.

Tutte quelle persone che vogliono poter costruire cose con Notion, creare sistemi con cui gestire al meglio la propria vita, azienda o che ne so.

Ed io e Beatrice siamo builder, per questo abbiamo creato un’agenzia che porta questo nome.

Ma quali sono i principi che, secondo me, un builder dovrebbe rispettare fin dal primo momento in cui apre Notion?


I 3 PRINCIPI DEL NOTION BUILDER

√ą un problema che sono convinto avrai incontrato anche tu:¬†Notion √® un foglio bianco su cui puoi scrivere quello che ti pare.

E pi√Ļ impari a scrivere, pi√Ļ ti ritrovi a scriverne di complesse oppure ti paralizzi perch√© non sai cosa scrivere.

Ma sono convinto che ci sia un modo per evitare questa trappola, tre principi da rispettare per diventare un grande builder fin dall’inizio.

Eccoli: 

  • svolgerai tutto il tuo lavoro lontano dal master;¬†

  • non tratterai il tuo workspace come un archivio;¬†

  • non tratterai il sistema di altri come il sistema tuo.

Continua a leggere, te li spiego in dettaglio.


SVOLGERAI IL TUO LAVORO LONTANO DAL MASTER

Ok, su Notion esistono i database.

Non è la prima volta che li cito e sono sicuro che li avrai notati anche sul tuo workspace.

I database sono l’arma segreta di Notion e posso dire con certezza che quasi tutte le pagine del tuo Notion dovrebbero essere parte di un database.

Sti database sono importanti per tanti motivi, in particolare però ti permettono di collegare le informazioni contenute nel tuo Notion.

E collegandole: 

  • ti assicurerai di poterle gestire al meglio, anche in futuro;¬†

  • ti assicurerai la loro validit√† nel tempo;¬†

  • ti assicurerai la possibilit√† di spostarle al meglio (esportare pagine, inviarle ecc.).

Ma c’è una cosa che devi ricordarti quando usi i database: non lavorare sul database originale.

Quando crei un database, puoi crearlo sia ‚ÄúInline‚ÄĚ che in versione ‚ÄúFull page‚ÄĚ.

Nel caso in cui scegli la seconda opzione, vedrai quella che sembra una pagina classica di Notion, solo che al suo interno c’è solo il database e non puoi creare altro.

Questa pagina è in realtà la radice del database ed è anche chiamata Master.

E per lavorare su questo database, non devi per forza accedere alla radice, anzi è sconsigliato.

√ą meglio creare delle¬†viste del database originale¬†e adattare quelle viste alle tue esigenze.

In questo modo, ti assicuri che le informazioni originali restino al sicuro e tu puoi accedere ad esse come vuoi e dove vuoi.

Il master è la fonte delle informazioni, fai di tutto per non sporcare la fonte.

‚Äč

NON TRATTERAI IL TUO WORKSPACE COME UN ARCHIVIO!

Ok, ora che (spero) hai capito l’importanza dei database, qual è il prossimo passo?

Quello di cominciare a giocare con le informazioni e con i database,comincerai a crearne tanti e dargli la struttura che preferisci.

Poi comincerai a metterli in relazione tra loro, con le loro visualizzazioni e in poco tempo ti ritroverai con tante cose sul tuo workspace.

E questo sarà il momento in cui dovrai capire una cosa: il tuo workspace è un sistema, non un archivio.

Che differenza c’è?

Un archivio è un raccoglitore di informazioni statico, un sistema invece è dinamico.

In un archivio puoi scaricare tutto quello che vuoi, abbandonarlo a prendere polvere e chissene.

Un sistema invece è dinamico, cresce con te e si adatta al modo in cui lo utilizzi.

Ti faccio un esempio.

Cominci ad utilizzare Notion e col tempo realizzi che vuoi una dashboard generale, nella tua home page, che mostra tutte le informazioni rilevanti giorno dopo giorno: crei le viste dei diversi database e il gioco è fatto.

Poi però passa il tempo e le tue esigenze cambiano, quindi cambi anche l’homepage, i collegamenti tra database ecc.

E è così adatti il workspace alle tue esigenze, lo tratti come un sistema, non come un archivio.

‚Äč

NON TRATTERAI IL SISTEMA DI ALTRI, COME IL SISTEMA TUO

Quanti template di Notion esistono?

Migliaia, anche io ne vendo alcuni.

Ma cosa sono i template e perché hanno cosí successo?

Perché sono soluzioni personali a problemi comuni.

E hanno cosi tanto successo perché ti danno la percezione di un sistema (di un’organizzazione strutturata delle informazioni), senza la difficoltà di crearlo.

Solo che ti devi ricordare il principio numero due: il tuo workspace è un sistema e dipende dalle tue esigenze, non da quelle di altri.

Utilizzare il mio workspace ti sarebbe poco utile, perché è costruito intorno alle mie esigenze non alle tue.

Ed √® per questo che, quando parlo con chi ha acquistato i miei template gli dico sempre una cosa:‚ÄĚquesto √® il punto di partenza, sentiti libero di modificarlo e adattarlo alle tue esigenze‚ÄĚ.

Stesso discorso vale per framework, filosofie di produttività ecc.

Sono tutte cose che ti possono fare da guida e scorciatoia, ma alla fine della giornata sei tu a dover utilizzare il sistema e questo deve riflettere le tue esigenze.

‚Äč

Ecco, direi che per oggi è tutto.

Buona settimana e beccati le risorse!

Daniele

ūüĎ• UNA RISORSA PER FARE AUDIENCE BUILDING

E per la serie ‚Äúnon credo a queste guide, ma questa mi sembra sia interessante‚ÄĚ, ecco un nuovo episodio.

‚ÄčQuesta volta si parla di newsletter e come farle crescere.‚Äč


ūüöÄ UNA RISORSA PER LA TUA PRODUTTIVIT√Ä

Ok, Notion Builders non è una startup ma una piccola agenzia con solo due persone.

‚ÄčPer√≤ sta guida sul lavoro asincrono pu√≤ essere utile a noi, cos√¨ come a tante altre realt√† che vogliono diventare pi√Ļ produttive.‚Äč


ūüíł UNA RISORSA PER LA TUA MONETIZATION

I creator producono contenuti e cercano di monetizzarli.

‚ÄčE anche in questo caso, la guida √® per le startup ma penso che tutti possano trovarla utile: soprattutto chi vuole imparare a convertire l‚Äôattenzione in denaro.‚Äč


ūüöÄ E QUANDO VORRAI, ECCO COME TI POSSO AIUTARE

  1. Puoi scaricare¬†Easy Second Brain¬†e rendere il tuo Notion meno caotico. ‚ÄčLo trovi qui.‚Äč

  2. Puoi scaricare¬†Easy Content Strategy¬†ed usare il mio sistema per creare contenuti. ‚ÄčLo trovi qui.‚Äč

  3. Possiamo fare una¬†call sul tuo spazio Notion. ‚ÄčPrenotala qui.